logo MyPortal
Inizio pagina Salta ai contenuti

Comune di Santorso

Provincia Vicenza - Regione del Veneto


Contenuto

Calendario

Calendario eventi
« Novembre  2017 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
   1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30    
       

Progetto "NordAfrica"

Secondo la Convenzione sullo status di rifugiato delle Nazioni Unite di Ginevra (1951), vincolante per gli Stati che l’hanno ratificata e per l’Italia resa esecutiva dalla Legge 722 del 1954, è rifugiato chiunque “a causa del timore fondato di essere perseguitato in ragione della razza, della religione, della nazionalità, dell’appartenenza ad un particolare gruppo sociale o dell’opinione politica, si trova al di fuori del paese di cui è cittadino e non può o, a causa di tale timore, non vuole avvalersi della protezione di quel paese".

L’art. 10, comma 3 della Costituzione afferma che “lo straniero al quale sia impedito nel suo paese l’effettivo esercizio delle libertà democratiche garantite dalla Costituzione italiana, ha diritto d’asilo nel territorio della Repubblica, secondo le condizioni stabilite dalla legge”.

L' art 18 della Carta Europea dei Diritti Fondamentali approvata dal Parlamento dell'Unione Europea il 14 novembre 2000 e proclamata a Nizza il 7 dicembre 2000, secondo cui "il diritto di asilo è garantito nel rispetto delle norme stabilite dalla Convenzione di Ginevra del 28 luglio 1951 e dal Protocollo del 31 gennaio 1967 relativi allo status dei rifugiati e a norma del trattato che istituisce la Comunità Europea".

Il riconoscimento del diritto di asilo trova fondamento oltre che nella Convenzione di Ginevra del 1951, nella Convenzione di Dublino del 1990, sulla determinazione della competenza dello Stato per l’esame di una domanda di asilo presentata in uno degli Stati membri della Comunità europea, ed è stata resa esecutiva in Italia dalla Legge n. 523 del 1992.

E' richiedente asilo la persona che ha lasciato il suo paese di origine per sfuggire alla violazione di uno o più diritti fondamentali dell’uomo (incluse le persecuzioni per motivi di genere o di orientamento sessuale), rifugiandosi in un altro paese dove attende che la sua domanda di asilo venga esaminata.

I richiedenti asilo sono figure giuridicamente diverse dagli immigrati stranieri che arrivano in Italia per motivi di lavoro, studio e ricongiungimento familiare: ciò che distingue gli immigrati dai rifugiati è che questi ultimi fuggono dal loro paese e non possono farvi ritorno se non a rischio della propria incolumità personale o della perdita della libertà e dei diritti fondamentali.

La Legge n. 189 del 30 luglio 2002 “Modifiche alla normativa in materia di immigrazione e di asilo” negli art. 31 e 32 si concentra sulle procedure di identificazione ed eventuale riconoscimento dello status per i richiedenti asilo, procedure che attengono alla competenza statale, e istituisce un “Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati” incentrato sui servizi prestati dagli enti locali, un “Servizio centrale di informazione, promozione, consulenza e monitoraggio” (affidato all’ANCI) ed un Fondo Nazionale per le politiche e i servizi dell’asilo cui vengono ricondotte anche le assegnazioni annuali del Fondo Europeo dei Rifugiati;

In questa situazione, partendo dalle iniziative di accoglienza già avviate, la Giunta comunale ha ritenuto importante promuovere una nuova esperienza sulla gestione delle politiche di accoglienza ed assistenza in favore dei richiedenti asilo e dei profughi.

I Comuni di Schio, Malo, Monte di Malo, San Vito di Leguzzano, Torrebelvicino, Valli del Pasubio, Calvene, Chiuppano, Carrè, insieme all'ULSS4 ed alcune associazioni e cooperative del territorio hanno manifestato la disponibilità a collaborare nell'attuazione delle direttive impartite con particolare riferimento all'accoglienza ed integrazione dei cittadini provenienti dal Nord Africa.

Il Comune di Santorso – già capofila del progetto Oasi – ha definito con l'Ufficio Territoriale del Governo la “Convenzione per la gestione dei servizi di accoglienza ai cittadini extracomunitari appartenenti ai paesi del Nord Africa” con la quale il comune assume gli obblighi del “Gestore”; inoltre, il Comune di Santorso, in accordo con gli enti aderenti, ha individuato nell'Associazione “Il Mondo nella Città” ONLUS l'ente gestore cui affidare, i servizi e gli interventi relativi all'accoglienza di profughi migranti così sinteticamente descritti:

  • servizio di assistenza generica;
  • servizio di gestione amm.va e poket money;
  • servizio di assistenza sanitaria;
  • fornitura di pasti, posti letto, vestiario e prodotti per l'igiene;
  • servizio di pulizia ed igiene ambientale.
 
PER APPROFONDIRE:
Stato di rifugiato politico su Wikipedia
UNHCR (Agenzia Onu per i rifugiati)
Piazza A. Moro, 8
P.Iva IT 00280750241
fax 0445 649513 PEC: santorso.vi@cert.ip-veneto.net